2 percorsi gravel in Valpolicella: scoprirla al meglio in bici

Percorsi gravel in Valpolicella: la Raccolta komoot

Dove

Veneto

+

Distanza

137 km

Partenza

Bussolengo

Dislivello

2300 m D+

Arrivo

Bussolengo

Terreno

75% asfalto
25% sterrato

Tempo di percorrenza

2 giorni

Sito web

Scarica la traccia!

Iscriviti alla Newsletter e scarica la traccia di questo percorso!

Vuoi scaricare la traccia di questo viaggio/percorso? Inserisci nome e mail (iscrivendoti così alla Newsletter di Cyclo Ergo Sum) e scarica il file GPX del percorso/viaggio dal pulsante di download che ti apparirà.

Inserisci il tuo nome, la tua mail e acconsenti al trattamento dei tuoi dati in conformità alla Privacy Policy. Poi controlla la casella mail (anche lo spam) per attivare definitivamente la tua iscrizione alla Newsletter.

Letture consigliate

 

Un weekend gravel in Valpolicella

Sì, del sano Gravel in Valpolicella. Era da un po’ che cercavo un luogo dove potermi al tempo stesso svagare, staccando la testa dalla frenesia di tutti i giorni, e anche pedalare divertendomi. Con un paio di grandi amici e colleghi di avventure e goliardate, i Fagiani, i primi ospiti del mio nuovo podcast, abbiamo così puntato l’ago della bussola verso l’area a nord di Verona, tra la Valpolicella, la Valdadige e la Lessinia.

Quello che ne è nato, mettendo insieme la passione per il gravel, la voglia di scoprire nuovi territori in bici e la tradizione enogastronomica locale è un weekend assai divertente che mi ha permesso di scoprire quest’area del nord Italia che conoscevo solo marginalmente, dandomi la possibilità di viverla a ritmo lento.

In questo articolo ti presento due percorsi gravel: Valpolicella e Lessinia sono perfette per essere scoperte così. L’articolo racchiude le due pedalate di quel weekend, riproposte in maniera più accessibile, senza tutte le deviazioni e i vicoli ciechi immancabilmente incontrati durante le due uscite, per farti scoprire il gravel in Valpolicella da vicino.

I due anelli che ti propongo partono da Bussolengo, dove proprio come noi non faticherai a trovare un parcheggio per l’auto e dove puoi pensare di fermarti per la notte, per pedalare entrambi gli anelli e inframmezzandoli con una piacevole passeggiata per il paese con annessa cena tipica in una delle numerose trattorie.

Con questi due percorsi gravel in Valpolicella, di cui uno leggermente più impegnativo, avrai modo di passare in alcuni luoghi iconici a cavallo tra queste tre valli, come la piana di Brigaldola, il passo dei Lumini, la breve seppur affascinante ciclabile 2×4, la valle dei Progni, la panoramica che raggiunge e abbraccia Molina. Tra vigneti e uliveti, guadagnerai quota e ti potrai fermare a riprendere fiato e ammirare la valle che hai tenacemente superato in sella alla tua gravel.

Pronti, partenza, via che si pedala!

Primo giorno gravel in Valpolicella: anello tosto tra i vigneti

In questo primo anello gravel in Valpolicella ti porto a cavallo tra la Valdadige e la Valpolicella. Prenditi la giornata intera, perché con il dislivello e le giuste pause ti servirà tempo e voglia di riempirti gli occhi di bellezza.

Parti da Bussolengo, lasciando la cittadina su sentiero sterrato. Ritrovata la strada asfaltata, affronti il primo saliscendi della giornata, dopo il quale ti ritrovi subito in uno dei più piacevoli segmenti del percorso: la piana di Brigaldola, tra cascine e polverose, nonché croccanti, strade bianche. Tira i freni per goderti il panorama, che da Castelnuovo del Garda in poi migliora ulteriormente, dandoti anche qualche scorcio del lago da una prospettiva diversa.

Sempre su strada bianca, tra vigneti e cipressi che ti fanno sentire in Toscana, passi per Calmasino e per una piacevolissima sterrata con muretto a secco a fianco (forse il mio passaggio preferito di questi due percorsi gravel). Valpolicella non è per niente piana: con uno sforzo che va gestito bene affronti un breve strappo per giungere ad Albarè passando ai piedi di monte Moscal.

Un lungo tratto tra strada provinciale e ciclabile ti porta a Castion Veronese, da dove inizia la salita su strada asfaltata di circa nove chilometri che ti conduce al passo dei Lumini, piccola frazione di San Zeno di Montagna, che ti accoglie con una fresca fontanella proprio a inizio paese. Termina la salita dove la vista abbraccia tutto il gruppo di monti Risare, Belpo e Nugoli e concediti i successivi undici chilometri di discesa. Io qui ho effettuato un cambio scarpe (sempre fatte dal mitico Marco del Calzaturificio King, come per le altre mie scarpe gravel), e ho indossato il copricollo dello sponsor Benexè Sport.

Qui si apre una piccola valletta che oggi ospita la pregevole ciclabile 2×4, un angolo di paradiso del gravel tra piccoli boschi e uliveti dal fascino unico. Prosegui tra i vigneti della Valpolicella fino a immetterti sulla ciclabile Rivoli-Affi, passando per Camporengo, Sant’Ambrogio di Valpolicella e infine Arcè, prima di affrontare l’ultima sgambata sui tornanti di Bussolengo verso il suo centro. Concludi il giro con un meritato Spritz oppure, come noi, con un saporito calice di Ripasso.

Secondo anello gravel in Valpolicella: alle porte della Lessinia in bici

In questa seconda pedalata tra Valpolicella e Lessinia parti da Bussolengo e attraversa l’Adige verso Arcè. In costante falsopiano passa accanto a ville di pregio e con siepi curate, vigneti a perdita d’occhio e piccoli borghi come Bure e Gargagnago.

Da qui la salita diventa più impegnativa e lo sguardo si perde tra impeccabili muretti a secco e vigneti. Una volta raggiunta la piccola Fumane, ti immetti nella valle dei Progni (valle dei torrenti), che in un ambiente bucolico e affiancando antichi ponti romanici ti conduce sino a Molina, con tratti dove la pendenza in doppia cifra è d’ordinanza: prendi il ritmo giusto, fermati se necessario, e preparati a godere di una vista pazzesca una volta presa quota.

Molina, borgo famoso per le sue cascate, solchi, nicchie ed erosioni, ti accoglie con una fresca fontanella. Ti consiglio di parcheggiare il tuo mezzo e dedicare un paio di ore di trekking all’interno del parco delle Cascate. Ripresa la tua gravel prosegui sulla strada secondaria Valcesara, che ti introduce all’ambiente tipico della Lessinia: sottili muretti, vigneti, vacche al pascolo e caminetti fumanti dai gruppi di case sparse tutto attorno.

Dopo un tratto in quota piuttosto bucolico e panoramico, scendi in picchiata verso San Rocco, Pezza, Negrar di Valpolicella e Pedemonte. Il gravel non è finito: un ultimo tratto tra i campi e i vigneti di Pescantina ti separa dalla destinazione di questo tour in Valpolicella e Lessinia, Bussolengo.

Percorsi gravel. Valpolicella, Lessinia e Valdadige

Noi abbiamo affrontato questi due itinerari gravel in Valpolicella nei primi giorni di primavera, ma tu potrai seguire queste tracce quasi tutto l’anno, a eccezione solo dell’inverno, che può risultare troppo umido e freddo. Lungo il percorso incontrerai molte fontanelle, così come numerose osterie, trattorie o bar dove è imprescindibile l’assaggio di un buon calice di Valpolicella Ripasso.

Sono stato abbastanza convincente? Prepara le tue borse da bikepacking e salpa per quest’avventura breve nelle magiche terre di Valpolicella, Valdadige e Lessinia! Qui sotto trovi il collegamento al mio profilo komoot, dove trovi la Raccolta con tutti i dati. Seguimi per nuove tracce!

Vuoi vedere i video di questi due giorni di gravel in Valpolicella?

Eccoli qui sotto (e non dimenticarti di iscriverti al mio canale YouTube):

Ultimo aggiornamento prodotti Amazon: 2024-05-25 / Cliccando sul Link di affiliazione dei prodotti contribuisci gratuitamente alla crescita di questo progetto / Immagini da Amazon Product Advertising API

Restiamo in contatto!

Ti potrebbe interessare…

Impronte e i racconti di Girovaganzo stregano l’Upcycle

Impronte e i racconti di Girovaganzo stregano l’Upcycle

Siamo tornati da Upcycle con Impronte e i racconti di Girovaganzo Ebbene sì, ho preso parte ancora una volta a Bike Travellers, la serie di incontri con viaggiatori e viaggiatrici all'Upcycle Bike Cafè. Con me in Upcycle, dove ero presente in qualità di curatore di Impronte, ha animato la serata...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter!

Affamato/a di storie, racconti, articoli, news, tracce e altro dal mondo del cicloturismo?

Iscriviti alla frizzante newsletter di Cyclo Ergo Sum, ti arriverà fresca fresca nella casella di posta!

Inserisci il tuo nome, la tua mail e acconsenti al trattamento dei tuoi dati in conformità alla Privacy Policy. Poi controlla la casella mail (anche lo spam) per attivare definitivamente la tua iscrizione alla Newsletter.

 

Sulemanyyy! Controlla la tua posta (anche lo spam) e attiva la tua iscrizione alla Newsletter tramite il link fornito.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi post

Condividi questo post sui social!