Torino Bike Experience: la fiera del cicloturismo Piemonte spacca!

Dream Assembling by Ciclocentrico | Bike Experience | Fiera del Cicloturismo Piemonte 2023

Scritto da fra.cycloergosum

Cantastorie, storyteller, bikepacker e viaggiatore incallito. Folle ideatore del motto "Cyclo Ergo Sum" (pedalo quindi sono), frullatore impazzito in salita, sussurra spesso ai Mucchinyyy incitandoli a gettare al cielo Sulemanyyy.

18 Aprile 2023

Torino Bike Experience: una figata!

Mi aspettavo una Fiera, ho trovato una festa

Che capiti poche o tante volte, l’importante è che capiti. Sentire quell’energia giusta, quelle good vibes che fanno stare bene, quegli incontri che segnano e che ricordi, quelle occasioni in cui senti l’ispirazione e ti viene (o ti torna) la voglia di fare, di spaccare, di partire.
E ovviamente è capitato. A Torino Bike Experience, anche noto come Fiera del Cicloturismo Piemonte, in questa rinnovata e super partecipata edizione numero 2, del 2023.

Una kermesse di due giorni, 15 e 16 Aprile, organizzata da Alessandro Ippolito & Team al Parco delle Vallere in corso Trieste 98, a Moncalieri, dalle 10 alle 18. Al Bike Experience ci son stato come Cyclo Ergo Sum tenendo un talk, in maniera – diciamo – istituzionale, per raccontare di quanto sia bello trovare quella “pedata in culo” che ci faccia fare qualcosa che stiamo desiderando, per dirla in modo colto un nudge, un’ispirazione capace di muoverci.
Ma soprattutto ci sono stato anche come Francesco, il viaggiatore caciarone del Sulemanyyy in cerca di incontri, di risate, di racconti di altri fellow travelers.

E ho trovato tutto, e ancor di più.

Ho respirato energia buona, di quella che motiva, di quella che ispira, ho conosciuto dal vivo tanti volti noti e meno noti sempre e solo chiusi dentro allo schermo del PC o dentro allo smartphone.
E ste cose servono, porca vacca se servono.

Quindi, se l’hai persa, segnati Torino Bike Experience – Fiera del Cicloturismo Piemonte in calendario per il prossimo anno, perché lì si respira il clima di festa che ogni fiera dovrebbe avere, spogliandosi del manto istituzionale e assumendo quel carattere festoso che un po’ – e non solo a me – ha ricordato un BAM! agli albori, un grande teatro di incontri di cicloviaggiatori e avventurieri.

Sì, perché non solo non si son visti gli incuriositi avventori alla sola ricerca di cartine e materiale informativo sui territori, e nemmeno gli stravisti stradisti e feticisti degli sviluppi metrici in cerca di calcolare il loro rapporto gear-inches. Se ci son stati, erano ben mimetizzati. C’erano i gravellisti, i cicloviaggiatori, i pedalatori della domenica, quelli del martedì mattina, i bikepackers ma anche i carghisti, i bambini mountain bikers, quelli che chiedono strade più sicure per non dover continuare a indire manifestazioni per salutare chi è stato ammazzato per strada, i Bromptoniani e quelli che han scelto un cancello per esplorare il mondo.

Allora chi c’era alla Fiera del Cicloturismo Piemonte?

Chi alla ricerca di una nuova destinazione, chi per conoscere nuovi o vecchi idoli, chi per bersi una birra EDIT spillata dalle abili mani del team Bicierin e chi per provare un panino vegano di Van Ver Burger o degli altri food truck presenti. Una grande festa della bicicletta che non ci si stancherà mai di eleggere a miglior cambio di vite e motivatrice di esistenze.

A ricordarcelo in modo martellante tutti i vari speakers, da Stefano Scapitta ed Elena Zappia che hanno presentato gli interessanti futuri progetti con Monferrato Gravel Traverse e Lady Bikepacking, Nico Valsesia e i suoi “from 0 to everywhere”, Vittoria Bussi e il record dell’ora, Fabio Abbà e i cosmetici sostenibili da viaggio di Vegvisir, Silvio Spertino e il suo spirito, il guerriero Fabio Wolf che viaggia qualche spanna sopra tutti noi, quei pazzi di This Avventura, ma anche Ciclocentrico e Serena Cugno con la family Liv, Peppe Esposto ed Elena Giardina (e non son nemmeno a metà dell’elenco)…

Non solo area talk magistralmente condotta da Cinzia: hanno completato questo quadro l’ampia area test con percorso MTB, l’esposizione materiali e brand, la presentazione dei territori con focus sul Piemonte, i workshop, il bike party del sabato, senza scordare quei pazzi furiosi del Brompton World Championship, che includeva la gara a cronometro, la parata Dress Code Brompton e il Folding Contest, dove abbiamo ammirato centinaia di eleganti pedalatori folders tra cui gli amici Zio Bici e Girovaganzo.

Ho concluso l’elogio. Sono felicemente stanco dopo un evento che merita sempre più partecipanti e attenzioni, un ottimo luogo di aggregazioni e di quelle good vibes di cui si diceva poco sopra, di cui tutti abbiamo bisogno, di sana ispirazione e di amici.

Torino Bike Experience, Fiera del Cicloturismo Piemonte, ci si rivede nel 2024!

Restiamo in contatto!

Ti potrebbe interessare…

Impronte e i racconti di Girovaganzo stregano l’Upcycle

Impronte e i racconti di Girovaganzo stregano l’Upcycle

Siamo tornati da Upcycle con Impronte e i racconti di Girovaganzo Ebbene sì, ho preso parte ancora una volta a Bike Travellers, la serie di incontri con viaggiatori e viaggiatrici all'Upcycle Bike Cafè. Con me in Upcycle, dove ero presente in qualità di curatore di Impronte, ha animato la serata...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter!

Affamato/a di storie, racconti, articoli, news, tracce e altro dal mondo del cicloturismo?

Iscriviti alla frizzante newsletter di Cyclo Ergo Sum, ti arriverà fresca fresca nella casella di posta!

Inserisci il tuo nome, la tua mail e acconsenti al trattamento dei tuoi dati in conformità alla Privacy Policy. Poi controlla la casella mail (anche lo spam) per attivare definitivamente la tua iscrizione alla Newsletter.

 

Sulemanyyy! Controlla la tua posta (anche lo spam) e attiva la tua iscrizione alla Newsletter tramite il link fornito.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi post

Condividi questo post sui social!